Tacchino con marinata

1 ora

2 ore

Materie Prime

Petto di tacchino

INGREDIENTI
per 6 persone

800 g fesa di tacchino in un solo pezzo
2 cucchiai olio di oliva (20 ml)
7 foglie di alloro
1 spolverata di pepe bianco
400 g cipolle rosse
4 coste di sedano (200 g)
3 carote (240 g)
2 bicchieri vino bianco (200 ml)
1 bicchiere aceto di mele(100 ml)
1 cucchiaio di pepe rosa in grani
1 cucchiaio di pepe verde in grani
sale

PROCEDIMENTO
Ungete la fesa con l’olio d’oliva, salate, pepate. Stendete sul piano di lavoro la carta d’alluminio. Lavate e asciugate 6 foglie di alloro. Sistematene 3 sull’alluminio, appoggiatevi sopra la fesa e sopra di essa le altre 3 foglie. Avvolgete tutto molto strettamente girando le due estremità a caramella. Tenete il cartoccio 1 ora in frigo.
Portate a bollore 3 lt. d’acqua nel tegame. Immergetevi il cartoccio, lasciate riprendere il bollore; cuocete per 50 min. e dopo averlo tolto dall’acqua, lasciatelo intiepidire 20 minuti.
Fare la marinata (da fare mentre cuoce la carne). Versate vino e aceto in un tegamino con 1 foglia d’alloro lavata. Bollite 20 min. con il recipiente semicoperto. Pulite e tagliate le verdure. Scaldate l’olio nella padella. Rosolatevi le verdure 2 min. a fuoco medio, mescolando. Unite il pepe, scolate quello verde dal liquido di conservazione prima di unirlo al tutto. Proseguite la cottura 8 min. a fuoco medio ed eliminate l’alloro.
Aprite il cartoccio, togliete foglie d’alloro utilizzate per insaporire la carne, asciugate la fesa con carta da cucina in modo da tagliarla meglio, a fette spesse circa 1/2 cm. Sistemate su un piatto da portata. Irrorate con la marinata bollente.
Lasciate riposare 10 minuti e servite.

Il tuo macellaio consiglia

Il petto di tacchino è una carne non molto sapida e deve essere preparata con condimenti che diano carattere alle preparazioni. Nella parte interna del petto si trovano i filetti che opportunamente mondati e tagliati correttamente, danno origine a fettine molto tenere.

La parola al sommelier

La presenza (consistente) dell’aceto rende difficile l’abbinamento con il vino, abbinate perciò con un Colli di Imola Chardonnay DOC di buona struttura, morbido, abbastanza fresco/sapido e di buona intensità olfattiva.