Cosciotto di agnello piangente

20 minuti

1 ora e 30 minuti

Materie Prime

Cosciotto di agnello

INGREDIENTI
per 4 persone

1 cosciotto d’agnello di 1,5 kg
4 cc d’olio d’oliva
4 spicchi di aglio (2 a fettine, 2 tritati)
1 rametto di rosmarino tritato
1 cucchiaino di timo tritato
1 kg di patate a fettine sottili
sale
pepe

PROCEDIMENTO
Spennellate l’olio sulla carne.
Praticate delle piccole, ma profonde incisioni nell’agnello e introducetevi i pezzetti di aglio. Cospargete con le erbe aromatiche, salate e pepate.
In una teglia, più lunga del cosciotto, disponete le patate a strati.
Salate, pepate e cospargete con l’aglio tritato i vari strati bagnati con olio.
Sistemate la teglia sul ripiano inferiore del forno.
Mettete l’agnello al di sopra delle patate, direttamente sulla griglia del forno, in modo che il sugo sgoccioli sulle patate sottostanti.
Arrostite a 220°C per 1 ora e mezzo o fino al punto di cottura desiderato. Riducete la fiamma se le patate si dorano troppo rapidamente.
Durante la cottura mescolate 1-2 volte.

Il tuo macellaio consiglia

Questo strano nome è dovuto al fatto che, cuocendo, la carne emette del sugo e, in un certo senso “piange”, facendo cadere queste gocce, le “lacrime”, sulle patate.
Volendo possiamo utilizzare lo stesso metodo anche per insaporire della polenta. Questo metodo di trattenere i sughi di cottura deriva principalmente dalla cottura di cacciagione allo spiedo dove questi vengono recuperati nella “Leccorda” e servono per insaporire sia durante la cottura che al momento del servizio.

La parola al sommelier

Vi consigliamo di abbinare un Colli di Imola Cabernet Sauvignon DOC Riserva di buona struttura, intensità gusto-olfattiva, e con una nota tannica ben strutturata.